Prenotazioni 800-098543Centralino 0105551

vai alla pagina twittervai alla pagina facebookvai al canale youtube

              Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Venerdì, 15 Marzo 2019 12:22

Al Policlinico i polpi aiutano gli studi sulle neuroscienze

Intervistati sul tema dal Secolo XIX Letizia Zullo e Michele Cilli, biologa specializzata in neuroscienze e veterinario presso il CBA, il Centro di Biotecnologie Avanzate.

Il CBA apre le sue porte per parlarci di uno studio estremamente curioso: quello che Letizia Zullo e Michele Cilli stanno conducendo sui polpi, i più intelligenti tra gli invertebrati. Questi cefalopodi, ospitati all'interno dello stabulario del San Martino, vengono studiati soprattutto su due fronti: il primo è quello della rigenerazione cellulare, un processo che permette loro di far ricrescere alcune parti delle proprie "braccia". Ma altrettanto importante è lo studio delle loro straordinarie capacità motorie. I loro arti sono a tal punto flessibili da avere una enorme libertà di azione, soprattutto se paragonata a quella data alle nostre braccia e gambe dalle articolazioni di polso e gomito.

Per saperne di più, vi rimandiamo al video di approfondimento del Secolo XIX.

Usiamo i cookie per migliorare il sito e l'esperienza utente e il loro uso è essenziale per il corretto funzionamento dello stesso. Per saperne di piu' sui cookie, come cancellarli e come vengono utilizzati, andate nella nostra privacy policy.

  Accetto i cookie da questo sito.
Modulo informativo EU Cookie Directive