Prenotazioni 800-098543Centralino 0105551

vai alla pagina twittervai alla pagina facebookvai al canale youtube

              Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

linee di ricerca

In quanto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS), l'Ospedale Policlinico San Martino usufruisce di finanziamenti ministeriali di "ricerca corrente" a supporto della sua attività scientifica istituzionale. L'attività scientifica dell'IRCCS finanziata dal Ministero della Salute si articola in sei linee di ricerca corrente:

Linea 1: Ricerca sanitaria, preventiva e dei servizi in oncologia
Questa linea di ricerca è caratterizzata dall’approccio innovativo e scientifico alle attività tipiche della sanità pubblica. In questa linea di ricerca si integrano i punti di vista delle discipline impegnate nella lotta contro il tumore: epidemiologia, biologia, biologia molecolare, genetica, clinica preventiva e terapeutica.
Le attività di ricerca di questa linea si articolano nello studio dei fattori di rischio nella popolazione e negli individui; nell’individuazione di nuovi marcatori che aiutino a stimare il danno provocato dall’esposizione ai fattori di rischio; nella valutazione dell’efficacia degli interventi di prevenzione. Infine, la linea di ricerca 1 aiuta a valutare l’appropriatezza clinica e organizzativa delle attività preventiva e terapeutica nel Servizio Sanitario Nazionale e Regionale.
Gli obiettivi che ci proponiamo sono lo sviluppo di valutazioni sempre più precise del rischio di tumore in popolazioni e aree specifiche; la sperimentazione e la valutazione del rapporto costo/efficacia di tecnologie, modelli di assistenza e interventi complessi.

Linea 2: Interazioni ospite-tumore
Questa linea di ricerca studia le interazioni che si stabiliscono tra il tumore e la persona, cioè l’ospite. Gli studi riguardano i tumori solidi e i tumori ematologici.
In particolare studiamo i processi del microambiente tumorale che sono coinvolti nello sviluppo e progressione della malattia. Per questo motivo studiamo il ruolo del metabolismo, dell’infiammazione cronica e dell’ipossia nella progressione del tumore; cerchiamo nuovi biomarcatori di progressione della malattia o di resistenza alle terapie e studiamo il ruolo dell’immunità innata e adattativa nel trapianto del midollo.
L’obiettivo principale è comprendere ed evidenziare i punti di forza dell’ospite nella sua battaglia contro il tumore e svelare i punti deboli della malattia per predisporre le migliori terapie per sconfiggerlo. In particolare, vogliamo capire quali sono i processi di immuno-evasione a causa dei quali il tumore cresce, progredisce e diventa metastatico. Di conseguenza cerchiamo di individuare nuovi biomarcatori di progressione o resistenza del tumore alle terapie e sviluppiamo test diagnostici che siano sempre più efficaci e nuove terapie immunologiche o molecolari.

Linea 3: Personalizzazione delle strategie terapeutiche in oncologia
Questa linea di ricerca si occupa principalmente di medicina personalizzata. La medicina personalizzata studia il modo in cui le informazioni genetiche e cliniche possono aiutare a sviluppare terapie ottimali per ogni singolo paziente.
In particolare concentriamo la nostra ricerca su tre aree tematiche: la definizione del profilo prognostico dei pazienti con tumore in fase iniziale o avanzata; il monitoraggio della risposta del paziente ai trattamenti, inclusa la possibilità di valutare precocemente gli esiti a lungo termine della terapia; lo sviluppo di nuovi percorsi terapeutici integrati per i tumori in fase iniziale o avanzata.
La nostra ricerca si pone l’obiettivo di individuare le caratteristiche biologiche in grado di modificare la prognosi del paziente e gli elementi che permettono di anticipare l’efficacia o meno di una determinata terapia. Inoltre, ci poniamo l’obiettivo di sviluppare terapie innovative e di valutare l’impatto dei trattamenti anche dal punto di vista della qualità di vita e delle preferenze espresse dal paziente durante tutto il percorso della malattia.

Linea 4: Determinanti fisiopatologici neuronali e gliali nella comparsa ed evoluzione delle malattie del sistema nervoso
Questa linea di ricerca studia quali fattori cerebrali determinano la comparsa e l’evoluzione delle malattie del sistema nervoso. In particolare la ricerca si concentra sullo studio dell’interazione fra il sistema nervoso, altri organi, ambiente esterno e il microambiente cerebrale.
L’obiettivo che ci poniamo è capire meglio le interazioni neuronali e gliali coinvolte nei fenomeni di neuroinfiammazione, neurodegenerazione, plasticità e riparazione del sistema nervoso. Inoltre vogliamo identificare i fattori che interferiscono nella funzionalità del cervello e nella sua capacità di modificarsi e adattarsi quando è interessato dalle malattie del sistema nervoso.

Linea 5: Meccanismi fisiopatologici non neuronali e clinica delle malattie del sistema nervoso
Questa linea di ricerca studia la variabilità delle manifestazioni cliniche e dei meccanismi che portano alla comparsa di malattie neurologiche e psichiatriche. In particolare, i nostri ricercatori approfondiscono i meccanismi biologici delle malattie del sistema nervoso, e le correlazioni con il patrimonio genetico. La ricerca viene condotta sfruttando tecnologie tradizionali e innovative come la nanotecnologia e la robotica, la ricerca bioinformatica sui big data e sull’epidemiologia.
L’obiettivo che ci poniamo è di individuare quelle interazioni fra neuroni, glia e ambiente esterno che portano ai processi di infiammazione e neurodegenerazione. Di conseguenza cerchiamo di sviluppare tecnologie sempre più avanzate per lo studio e il monitoraggio delle malattie neuropsichiatriche, per individuare nuovi fattori che possono cambiare la prognosi o prevedere l’esito delle terapie sul lungo termine. Infine, utilizziamo i dati derivanti dalla ricerca per sviluppare nuovi modelli di gestione e assistenza.

Linea 6: Terapia delle malattie del sistema nervoso
Questa linea di ricerca studia terapie innovative per il trattamento delle malattie infiammatorie e neurodegenerative, cerebrovascolari, neuromuscolari, psichiatriche e per i tumori gliali. In particolare studia nuovi approcci terapeutici basati sull’uso di sensori, neuroprotesi e nanomateriali biocompatibili. L'applicazione di terapie innovative nell’uomo richiede la definizione di metodologie statistiche, tecnologiche e biomolecolari. Per questo motivo è necessario un approccio multidisciplinare che integri la ricerca di base, il trattamento farmacologico e l'utilizzo di nanomateriali biocompatibili e della robotica per la riabilitazione e la micro-chirurgia.
La nostra ricerca si pone l’obiettivo di sviluppare test diagnostici e di monitoraggio sempre più efficaci, trovare nuove terapie biologiche e cellulari, sviluppare nanotecnologie per far arrivare meglio il farmaco al bersaglio, individuare biomarcatori di prognosi e risposta alle terapie. Infine, ci proponiamo di sviluppare nuove tecnologie e modelli per la valutazione del rapporto costo/efficacia delle terapie e dei modelli gestionali per le cure delle malattie del sistema nervoso.
Di seguito l'elenco dei progetti finanziati con la ricerca corrente relativi a queste sei aree.

pdf Elenco progetti RC 2018-2020

L'IRCCS è anche impegnato in progetti di Ricerca Finalizzata. Si tratta di progetti finanziati da stakeholder per il raggiungimento di obiettivi scientifici specifici. Gli enti finanziatori possono essere pubblici, come il Ministero della Salute, l'Unione Europea, le Regioni oppure privati, come associazioni di sostegno alla ricerca, fondazioni, imprese. Di seguito l'elenco dei progetti sviluppati dai nostri ricercatori e attivi nel biennio 2018-2019.

pdf Elenco progetti RF 2018-2019

 

Usiamo i cookie per migliorare il sito e l'esperienza utente e il loro uso è essenziale per il corretto funzionamento dello stesso. Per saperne di piu' sui cookie, come cancellarli e come vengono utilizzati, andate nella nostra privacy policy.

  Accetto i cookie da questo sito.
Modulo informativo EU Cookie Directive